L'Opera della Chiesa

La Madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia 
     Fondatrice de L’Opera della Chiesa

Una voce piena di giubilo
 che ci canta la grandezza di Dio nella sua infinita trascendenza…

Una chiamata
 che ci invita a quel Focolare eterno di Famiglia Divina che Dio si è per Sé e per tutti i suoi figli…

Un fuoco
 che ci infiamma nel suo amore e ci immerge nella sua vita…

Una fonte
 di sapienza amorosa che ci fa scoprire e gustare, vivere e saturarci delle realtà meravigliose che Dio ha operato con noi nell’averci fatto Chiesa Cattolica, Apostolica e sotto la Sede di Pietro…

Un grido
 straziante di aiuto alla Chiesa prostrata nel Getsemani.


Brevi cenni biografici di Madre Trinidad


La Madre Trinidad nasce a Dos Hermanas (Siviglia) il 10 febbraio 1929. È una persona immensamente semplice, naturale, aperta. Sorta dalla gente comune, vive in mezzo ad essa e ne è portatrice delle migliori qualità. Carente di ciò che gli uomini stimano come ricchezza, grandezza e scienza, si sente «piccola, povera e indifesa», «la più piccola di tutti i piccoli della terra». Nella sua piccolezza umana è la realizzazione palpitante delle parole di Gesù: «Ti benedico, o Padre, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te». E perché a Dio è piaciuto, ha voluto realizzare attraverso di lei un piano sorprendente di donazione alla sua Chiesa.

Insospettato dono di Dio alla sua Chiesa
Un giorno –il 7 dicembre 1946– Dio passò potentemente sulla sua anima e la chiamò a Sé. Ella si consegnò a Lui senza riserve. Gesù nel Tabernacolo si costituì suo unico Maestro. È stato per lei la sua verità, la sua via e l’amore soggiogante della sua giovinezza. Così la preparava progressivamente per un incontro trascendentale.
 A partire dal 18 marzo 1959, Dio incominciò a riversarsi sulla sua anima in modo così inimmaginabile, da renderla fonte luminosa per effondersi attraverso di lei nella Chiesa. La introdusse nel suo seno e le mostrò il suo mistero. La inondò con la sua luce e la immerse nella sua vita. E, addentrandola in Lui, le fece contemplare le meraviglie meravigliose del suo amore per l’uomo, che si riassumono in Cristo che si dona a noi per mezzo di Maria nel seno della Chiesa.

Araldi di una stessa Canzone
La Madre Trinidad ha conosciuto anche il Getsemani della Chiesa. La vide straziata e vestita a lutto nella notte della sua prostrazione. Dio divenne nella sua anima grido urgente in richiesta di aiuto alla Chiesa. Allora lei si lanciò a cercargli una legione di anime. Questa donna sorprendente porta inciso a fuoco nel suo spirito che la vita della Chiesa in tutta la sua verità, ricchezza, profondità e magnificenza è per tutti, e che a tutti bisogna manifestarla e comunicarla.
Per questo, la legione di anime che ha cercato per aiutare la Chiesa abbraccia, come la Chiesa stessa, ogni tipo di persone: Sacerdoti e laici, uomini e donne Consacrati a Dio con i loro tre voti di castità, povertà ed obbedienza, e coniugi, giovani, adolescenti e bambini.
 Sacerdoti e laici lavorano apostolicamente uniti nelle Case di Apostolato e nelle Parrocchie affidate dai Vescovi diocesani a L’Opera della Chiesa. Distribuiscono a bracciate, attingendo a quella fonte di luce, sapienza e amore che sta sgorgando in modo vivo e abbondante nei discorsi e negli scritti della Madre Trinidad, dei quali sono pubblicati in italiano tre libri belli e profondi, come si spiega nella pagina dedicata a L’Opera della Chiesa. Vogliono essere così, nella loro vita e nella loro parola, prolungatori di quella Canzone di Chiesa che Dio fece sorgere nell’anima di questa semplice donna per la rivitalizzazione, l’arricchimento e la pienezza dei membri della Chiesa. 

Visita la pagina Web de L'Opera della Chiesa.
Troverai tutte le sue pubblicazioni: Scritti, video, discorsi... 

Una Parrocchia in Albano che è affidata a L'Opera della Chiesa


Il 25 marzo 1981 veniva eretta in Albano L’Opera della Chiesa da Mons. Gaetano Bonicelli, vescovo della Diocesi di Albano.
Leggiamo nei documenti:
«A norma dei canoni del C.J.C. erigiamo canonicamente nella Diocesi di Albano la Pia Unione denominata Opera della Chiesa con residenza in Albano, Via Alcide De Gasperis,35. L’Opera della Chiesa ci sembra particolarmente attuale in un momento come questo, quando il Concilio Vaticano II ci insegna a rinnovare la Chiesa secondo il disegno originario di Dio Uno e Trino».
Nella lettera datata 7 agosto 1981 il Vescovo manifesta alla Madre Trinidad, Fondatrice de L’Opera della Chiesa, il suo desiderio di affidarLe la Parrocchia di San Pietro Apostolo, sperando di «aver richiamato sopra la mia Diocesi, non solo delle forze giovani ed attive, ma una sovrabbondante benedizione del Signore».

E tutto in vista della convenzione che tra il Vescovo e la Fondatrice de L’Opera della Chiesa sarà firmata nella festa della Natività della Beata Vergine Maria, l’8 settembre, per l’affidamento della Parrocchia alla sopracitata istituzione. In questo modo si porta a compimento il desiderio, suggerito dalla volontà di Dio nel cuore della Madre Trinidad, di essere vicino al Papa. Di fatto, a pochi metri dalla Parrocchia c’è l’ingresso alla Villa Pontificia di Castelgandolfo, dove il Santo Padre soggiorna per il riposo nei mesi estivi. Lo stesso titolo della Parrocchia e la vicinanza a Castelgandolfo sono due gesti di predilezione che formano parte di un disegno benevolo della divina Provvidenza nei confronti de L’Opera della Chiesa.
Il giorno 16 novembre 1990, nell’edizione de L’Osservatore Romano, appariva un articolo che ci può servire per delineare brevemente il profilo spirituale ed umano di Madre Trinidad Sanchez Moreno, Fondatrice di un Opera composta da Sacerdoti, uomini e donne consacrati a Dio e da laici di ogni età, stato e condizione sociale. E’ sorprendente che questa semplice donna, senza scienza umana, priva di alcun tipo di studi teologici, appena trentaquattrenne abbia fondato L’Opera della Chiesa per presentare la Chiesa, comunicare la teologia riscaldata nell’amore e fare che i cristiani prendano viva coscienza di ciò che sono per essere Chiesa e che coloro che non la conoscono, nel guardarla, vi vedano il volto di Dio, per fare niente meno che L’Opera della Chiesa accanto al Papa ed ai Vescovi.


A questo punto, sorge spontanea e rapida la domanda: Da dove e come è sorta questa donna eccezionale?

La Madre Trinidad è spagnola. È nata il 10 febbraio 1929, in un paese nei pressi di Siviglia, dove trascorse l’infanzia e la giovinezza, lavorando nel negozio di famiglia dall’età di 14 anni fino ai 27 anni, per trasferirsi poi a Madrid.

In una vita così semplice e comune irruppe soggiogante la forza di Dio. All’età di 17 anni, la vigilia di una Festa dell’Immacolata, il Signore passò per l’anima di Madre Trinidad e la chiamò a Sé ed ella si consegnò a Lui senza nessuna riserva. Ricorderà sempre quel giorno come un’invasione dell’Immenso, come un passaggio soggiogante del Potere Infinito, come la chiamata ammaliante dell’Amore, che cambiò interamente l’orientamento della sua vita.

Nei tempi prolungati di preghiera davanti al Tabernacolo, il Signore si costituì gelosamente suo unico Maestro.

Il 25 gennaio 1959, il Signore ruppe con forza i cammini segreti attraverso i quali l’aveva condotta fino ad allora. Papa Giovanni XXIII, annunziava alla Chiesa la celebrazione di un Concilio Ecumenico.

Dio iniziò ad effondersi prodigiosamente nell’anima di quella giovane, introducendola nel mistero della Sua vita, come solo Lui poté fare e sino alle profondità che solo Lui conosce. Il passo di Dio sull’anima della Madre Trinidad le impresse il sigillo di una missione: cantare fino a morire.., –come lei stessa ama dire– e morire e dal tanto cantare la bellezza, la grandezza, la ricchezza e la perfezione della Chiesa.Missione che ella riassume con la minima e semplice qualificazione di essere solo l’eco che si lascia sentire come ripercussione del canto della Chiesa.

Questa sorgente di sapienza divina sta sgorgando viva nei discorsi registrati dalla Madre Trinidad nei suoi numerosi scritti, dei quali sono un anticipo i 2 libri molto profondi e bellissimi per ora pubblicati in italiano: «Frutti di preghiera» e «La Chiesa e il suo mistero», e la meravigliosa Collana «Luce nella notte - Il mistero della fede dato in sapienza amorosa», che trasmette in sintesi i principali misteri della fede con linguaggio chiaro, spirituale, poetico e profondo.

Soggiogata dallo splendore della ricchezza della Chiesa e ferita dalla pena che la Chiesa serba nel silenzio dell’incomprensione, sotto la forza della richiesta di Dio, nella sua piccolezza e senza risorse umane, si lanciò a cercare una legione di anime che vivessero così profondamente il mistero della Chiesa, da essere capaci di portarne alla luce la ricchezza, ed essendo testimoni vivi di ciò che è essere Chiesa, con la vita e la parola, la presentassero alla vista di tutti con lo splendore e la magnificenza che Dio pose in essa nel fondarla; aiutando così il Papa ed i Vescovi a realizzare l’opera essenziale che Cristo affidò loro.


Questa è L’Opera della Chiesa che viene fondata nel 1959, ed è stata approvata per la prima volta a Madrid, e successivamente si è impiantata in altre Diocesi spagnole. Il 20 dicembre 1997, riceve dalla Santa Sede l’Approvazione Pontificia. Per estendere e consolidare la sua Opera, la Madre Trinidad ha aperto più di 43 case per la residenza dei membri e per l’apostolato. A Roma, l’Opera della Chiesa è stata eretta nel 1977. Le è stata affidata la Parrocchia di Nostra Signora di Valme a Villa Bonelli, accanto alla quale ha aperto la magnifica Casa d’apostolato «San Pietro Apostolo», che fu visitata da Sua Santità San Giovanni Paolo II, presso la quale si tengono permanentemente formazioni e i ritiri per membri della stessa Opera e anche per Ve-scovi, Sacerdoti, Religiosi, Religiose e laici venuti da ogni parte del mondo. Sempre a Roma, L’Opera della Chiesa ha un ampio centro apostolico in Via Rodi, 24 e a Frascati altre 2 case.

Per chiudere questo capitolo è opportuno riportare il commento di un testimone diretto per tanti anni della vita della Madre, che ci permetterà di inquadrare e completare l’immagine di questa figura e la sua missione nel contesto del mistero della Chiesa:

«Nel mio contatto con lei, l’ho sentita più volte accennare, riferire in diverse occasioni che il Santo che ama di più –la Vergine, naturalmente, non conta perché è sopra di tutti– è San Pietro. Tuttavia si identificò maggiormente con i sentimenti e le esperienze che San Paolo esprime nelle sue lettere. Mentre i Profeti dell’Antico Testamento: Geremia, Isaia, Amos, Ezechiele, le offrono le parole e le immagini più adatte per esprimere gli impulsi, le richieste, i fuochi di Dio che bruciano la sua anima in urgenze di manifestarLo, e l’asprezza del suo urto con le creature quando va a cantare loro la Sua canzone di Chiesa. Abramo, Mosé, gli Apostoli, sono le figure che più attirano e riempiono le sue ansie di universalità.

Insieme originale di profeta, di dottore, di apostolo, di madre, di Fondatrice e di condottiera di un popolo numeroso per aiutare Pietro ed i successori degli Apostoli, è ciò che Dio ha fatto di questa donna piccola come una bambina e che trova la sua ricchezza nel non avere nessuna ricchezza umana, nel non essere, nel non potere, nel non sapere, nel servire a nulla, nell’essere piccola, povera e derelitta affinché il Tutto possa colmare l’abisso del suo nulla; e sa pure della morte silenziosa, profonda e totale che Dio chiede a coloro che seminano nel solco della vita perché diano frutto. Per questo la sua discendenza la perpetuerà».

Visita il la pagina Web de L'Opera della Chiesa

 

Orari

 

Letture della S. Messa

Adorazione Eucaristica

 

Avvisi della parrocchia

Adorazione Eucaristica continuata
nel periodo natalizio:

Da lunedì 17 dicembre 2018
a martedì 8 gennaio 2018
orario ridotto: 
07:00 - 08:00
e 18:00 - 20:30.

I giorni festivi in ogni modo non si espone il Santissimo dopo la Santa Messa delle ore 19:00, ma rimaniamo a cantare canti di Natale vicino al Presepe.



Mercoledì 19 dicembre ore 17:00
Tappa Eucaristica 3°anno: 
Preparazione al Natale 
dei bambini 
con i genitori. 



Venerdì 21 dicembre 
- ore 17:00:

Tappa Eucaristica 2°anno: 
Preparazione al Natale 
dei bambini 
con i genitori. 

- ore 19:30: 
Veglia di preghiera guidata 
in preparazione al Santo Natale: 
Siete tutti invitati! 



Domenica 23 dicembre
- ore 10:00
Benedizione dei bambinelli
per i presepi. 

- ore 11:00: 
Sorteggio dei cesti natalizi. 

 

 

Lunedì 24 dicembre ore 19:00: 
S. Messa prefestiva di Natale.
Questa S. Messa vespertina 
è valida per il giorno di Natale. 

 

NATALE DEL SIGNORE
S. Messa solenne
di mezzanotte

24 dicembre ore 24:00.

SS. Messe del giorno: 
08:30 - 10:00 -11:30 
12:15 (in Via Rossini, 4) 
19:00

 

Mostra di presepi
e presepe audiovisuale

Durante tutto il periodo natalizio
presso il salone parrocchiale
in Via Cellomaio, 37.

 

Presepe vivente:

Durante le celebrazioni
delle SS. Messe
delle ore 10:00, 11:30 e 19:00:

 

Mercoledì 26 Dicembre
Festa di Santo Stefano 


(Non è Festa di precetto).
Orario feriale delle SS. Messe:
08:00 - 19:00.

 

Lunedì 31 dicembre: 
Festa della Sacra Famiglia 

di Gesù, Maria e Giuseppe. 

(Non è Festa di precetto).
Orario feriale delle SS. Messe: 
08:00 - 19:00. 


Lunedì 31 dicembre ore 19:00
SANTA MESSA DI RINGRAZIAMENTO

DI FINE ANNO
CON CANTO DELL’INNO TE DEUM:

La S. Messa vespertina della domenica 31 è valida per il 1° gennaio, Solennità di Maria Santissima, Madre di Dio. 

 

Martedì 1º gennaio:
Solennità 
di Maria Santissima,
Madre di Dio. 

(Festa di precetto).
Orario festivo delle SS. Messe:
08:30 - 10:00 - 11:30 -
12:15 (in Via Rossini, 4)
e 19:00.

 

Domenica 6 gennaio:
Solennità 

dell'Epifania del Signore. 

Orario festivo delle SS. Messe: 
08:30 - 10:00 - 11:30 - 
12:15 (in Via Rossini, 4) 
19:00.

 

Domenica 13 gennaio
FESTA DEL BATTESIMO
DEL SIGNORE

-finisce il tempo di Natale-.

Orario festivo delle SS. Messe:
08:30 - 10:00 - 11:30 -
12:15 (in Via Rossini, 4)
e 19:00.


Sabato 19 gennaio ore 20:30

Corso di preparazione
al Matrimonio.